Archivio Categoria: Cultura del Tè

Bere Tè a Colazione: i Benefici

Se siete come la maggior parte degli Italiani, probabilmente ritenete essenziale iniziare la giornata con una tazza di caffè. Ma avete mai pensato di sostituire questa abitudine con un rituale mattutino del tè?

Tè a colazione

Il tè a colazione fa bene?

La risposta a questa domanda è certamente sì. Il tè è infatti ricco di sostanze benefiche, come i flavonoidi e la teanina, appartenente alla categoria degli amminoacidi. Bere regolarmente tè è un vero toccasana: abbassa i livelli di colesterolo, preserva l’apparato cardiocircolatorio e protegge da numerose malattie legate all’invecchiamento dei tessuti e all’alterazione del DNA.

La presenza di caffeina rende poi questo infuso un rivale dell’espresso anche dal punto di vista delle capacità energizzanti: una tazza di tè equivale circa ad un tazzina di caffè.

Tè a colazione per dimagrire

Tra i benefici del tè c’è anche una forte capacità di stimolare il metabolismo di grassi e zuccheri. Le sue capacità diuretiche sono un ottimo alleato per contrastare i fastidi della ritenzione idrica e dimenticare sgradevoli gonfiori. Se questo tema ti interessa, puoi leggere l’approfondimento dedicato alle proprietà dimagranti del tè verde (ma non solo).

Sorseggiane quanto desideri

Dal momento che il tè contiene una percentuale di caffeina inferiore rispetto al caffè, con esso potete concedervi una colazione più distesa, a base di una (o anche due) tazze di questa bevanda.

Tè al mattino

Tè per colazione: quale scegliere?

Decidere di bere il tè a colazione vuol dire poter scegliere tra un’ampissima varietà di profumi e aromi. Non c’è un tè prescritto in particolare per il mattino, quindi è possibile scegliere il gusto che si preferisce, o anche alternare le diverse tipologie. In generale, i tè più gettonati sono il tè nero (per un pieno di caffeina) e il tè verde, più leggero ma in grado di garantire una concentrazione di lunga durata.

 

Dimagrire Grazie al Tè: è Davvero Così?

Come sempre, bisogna diffidare di chi promette miracoli. Per dimagrire è necessario rivolgersi ad uno specialista che proponga l’adeguata unione di dieta ed attività fisica. Ciò non toglie però che il tè possa essere un ottimo alleato nel percorso di modificazione corporea. Vediamo perché.

Tè alleato per dimagrire

Il tè combatte la ritenzione idrica

Nella stragrande maggioranza dei casi, la ritenzione idrica non è causata da patologie ma da uno scorretto stile di vita. L’unico modo per eliminarla è associare un’attività fisica regolare ad un’alimentazione sana e ad opportuni drenanti. In questo caso, niente di più naturale ed efficace del tè verde. Esso ha infatti una grande capacità di favorire la diuresi, espellendo i liquidi in eccesso e ricaricando il corpo di sostanze benefiche.
Insomma, provate ad associare ad un’attività sportiva regolare qualche ottima tazza di tè verde: vi sentirete ben presto meno gonfi, più tonici e pieni di energie sia fisiche che mentali.

Il tè stimola il metabolismo e brucia i grassi

Il metabolismo funziona come una macchina: degrada le sostanze nutritive ingerite per produrre l’energia che ci serve a vivere e svolgere le diverse attività. Il tè verde in particolare, grazie all’azione antiossidante del gallato di epicatechina, è in grado di accelerare questo processo e incrementare il consumo calorico. Al corpo, a questo punto, non resta che attaccare i grassi ed erodere i depositi adiposi. Anche qui la combinazione con l’attività sportiva e una dieta bilanciata vi porterà ai massimi risultati.

Il tè non fa cadere in tentazione

Concedersi una tazza di tè è un ottimo modo per rilassarsi e sentirsi appagati con un introito calorico praticamente nullo. Coccolati gustando con calma l’infuso: la voglia di golosità avrà tutto il tempo di scemare. Inoltre, le sostanze presenti nel tè aiutano a ridurre l’assorbimento dell’amido (quello presente in pane, pasta, riso, patate) e controllare gli ormoni della sazietà.

Quali tè sono più indicati per dimagrire?

Nonostante medici e nutrizionisti siano in grado di aiutare in maniera professionale chiunque necessiti di dimagrire, e l’attività fisica sia naturalmente benefica in tal senso, il tè contribuisce in maniera positiva al dimagrimento. I più adatti del nostro shop in tal senso sono:

  • Tè verde Longjing: Il Tè verde Longjing è una variante originaria della regione montuosa dello Zhejiang, dotata di un microclima particolare che conferisce al tè proprietà benefiche uniche.

Puoi acquistarlo QUI.

  • Tè verde Anji Bai Cha: questo tè si contraddistingue per un aroma fresco e dissetante, con note di frutti di bosco.

Puoi acquistarlo QUI.

  • Tè verde Taiping Houkui: infuso morbido e fresco, con una particolare dolcezza vegetale che gli ha permesso di assurgere ad uno dei “migliori tè verdi della Cina”.

Puoi acquistarli QUI.

  • Tè verde Bi Luo Chun: Dal gusto dolce e fruttato, questo tè noto per la sua elevata qualità viene raccolto soltanto una volta l’anno, ancora avvolto nella caratteristica lanugine bianca.

Puoi acquistarlo QUI.

  • Tè Oolong Da Hong Pao: questa tipologia è una varietà di Oolong tra le più pregiate, prodotta sui monti Wu Yi nel Fujian. Il suo aroma è irresistibile: in esso si avvertono l’orchidea e altre note floreali.

Puoi acquistarlo QUI.

  • Tè Oolong Tiè guan yin: si tratta di un tè con basso grado di ossidazione. Questo lo rende più simile al tè verde rispetto agli altri Oolong, ma con note floreali più spiccate e aromatiche.

Puoi acquistarlo QUI.

Per approfondire sui Tè verdi ti consigliamo l’articolo sulle proprietà ed i benefici del tè verde. Mentre per il tè oolong puoi trovare ulteriori informazioni nel qui.

Tè Nero: Storia, Proprietà, Controindicazioni

Il tè nero è un tè molto antico, coltivato da millenni in India, Cina e Giappone. Ad oggi sono presenti piantagioni anche in Indonesia, Caucaso, America e Africa orientale. Al contrario dei cugini tè verde e tè Oolong, il tè nero viene sottoposto ad ossidazione/fermentazione completa (da questo deriva il suo colore scuro).

Storia del tè nero

Si narra che il tè nero sia nato nella zona delle montagne Wuyi nella regione cinese del Fujian. Un gruppo di contadini intento nella lavorazione del tè avrebbe dimenticato le foglie fresche al sole per accogliere un drappello di soldati giunti improvvisamente al villaggio. Una volta tornati sul luogo di lavoro, i contadini si resero conto del disastro. Per evitare che il tè appassisse rovinandosi del tutto, i contadini lo arrostirono con foglie di pino e crearono appunto la varietà completamente ossidata che conosciamo. Il tè nero giunse in Occidente nel XVI secolo, trasportato dalle navi portoghesi. Da allora si è diffuso in tutta Europa, dapprima tra i nobili, poi anche presso le classi inferiori.

te nero cinese jin jun mei

Da dove si ricava il tè nero

Il tè nero si ricava dalla Camellia sinensis, una pianta della famiglia delle Teacee. Essa in natura può svilupparsi in forma arborea, mentre nelle coltivazioni tende a presentarsi come un arbusto. Una volta raccolte, le foglie vengono sottoposte ad opportune condizioni di calore ed umidità sino a raggiungere la fermentazione completa.

Proprietà del tè nero

Il tè nero contiene sali minerali come ferro, magnesio, potassio, fosforo, sodio e zinco, nonché vitamine quali la B2 e la B9. Tra i benefici del tè nero si hanno una decisa funzione diuretica e l’azione antiossidante. Secondo alcune ricerche, l’assunzione regolare di tè nero potrebbe anche favorire la riduzione del colesterolo. Se vuoi conoscere tutte le proprietà del the nero, potrebbe interessarti anche il seguente articolo.

Controindicazioni del tè nero

Il tè nero non presenta particolari controindicazioni. Un suo consumo eccessivo può però, a causa della presenza di caffeina, creare effetti indesiderati come ansia e agitazione. Se non eccedete, questa stessa sostanza favorirà in voi invece l’energia e la concentrazione.

Il tè nero si può bere in gravidanza?

Il tè nero in gravidanza può essere assunto, ma con parsimonia. L’OMS prescrive infatti di non superare i 300/200 mg di caffeina al giorno, ovvero le 2-3 tazze giornaliere.

Varietà di tè nero

Sul nostro shop online sono disponibili le migliori qualitò di tè nero in commercio:

Tè Keemun

Il China Keemun Thea è prodotto nella provincia dell’Anhui, in Cina, da piantagioni denominate “Zhu Ye” o “Qimes”. L’infuso presenta un aroma morbido, rotondo, con note di frutta e cacao. Da questo sapore particolare derivano diversi soprannomi del Keemun, tra cui “borgogna dei tè” e “imperatore dei tè”. Puoi acquistarlo QUI.

te nero keemun

Tè Jin Jun Mei

Il Jin Jun Mei si caratterizza per foglie piccole e grige con pagliuzze dorate. Si tratta di una varietà particolarmente pregiata, raccolta soltanto nei primi giorni di marzo e sottoposta ad una lavorazione complessa. Questa cura nella realizzazione rende il Jin Jun Mei una vera armonia di fiori e frutta. Puoi acquistarlo QUI.

te nero cinese jin jun mei foglie

Tè Lapsang Souchong

Per chi ama i tè di grande personalità, il Lapsang Souchong è la scelta perfetta. L’affumicatura con legno resinoso di conifera a cui le foglie sono sottoposte conferisce infatti al prodotto un sapore unico e deciso. Il colore è di un caratteristico ramato scuro e brillante. Puoi acquistarlo QUI.

te nero lapsang souchong

 

 

 

 

Tè Oolong: storia, proprietà, controindicazioni

Il Tè Oolong è una tipologia di tè coltivato da secoli in Cina, Giappone ed India. Le foglie della Camelia Sinensis vengono raccolte e sottoposte a procedimenti complessi finalizzati a romperne soltanto i margini e così ottenere diversi livelli di semi-ossidazione. Si definisce “oolong” un tè ossidato dal 20% all’80%. Com’è facile intuire, si tratta di un range molto ampio, capace di comprendere in sé gusti e aromi decisamente diversi. Parlando di tè Oolong, dunque, si fa riferimento ad una grande (e nobile) famiglia di infusi.

Storia del tè Oolong

L’origine del tè Oolong è misteriosa. Non ci sono fonti certe, ma di massima le prime coltivazioni vengono fatte risalire a oltre 400 anni fa, nella regione del Fujian in Cina. Anche riguardo al nome ci sono molti dubbi. Alcuni esperti ritengono che “oolong” possa essere tradotto con “drago nero”, con probabile riferimento all’aspetto delle foglie trattate, scuro e arricciato. Altri attribuiscono il termine ad una trasformazione del nome dello scopritore di questa bevanda.

Storia del tè Oolong

 A cosa serve il tè Oolong?

Il tè Oolong è da centinaia d’anni una bevanda amata per i suoi effetti sulla salute e il benessere psicofisico. Sorseggiare una tazza di tè Oolong permette infatti di contrastare i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare. Si tratta inoltre di un vero toccasana, grazie alle sue proprietà anti-ossidanti, per la pelle, i denti, le ossa e il cervello.

Proprietà del tè Oolong

I benefici del tè Oolong derivano dalle sostanze contenute al suo interno. Esso è infatti ricco di sali minerali e vitamine. In particolare, troviamo il ferro, il magnesio, lo zinco, il potassio, il sodio e il fosforo. Per quanto riguarda le vitamine, invece, il tè Oolong è in grado di integrare la B2 e la B9 (l’acido folico). La presenza di acqua lo rende un ottimo diuretico, mentre la caffeina partecipa ad accelerare il metabolismo. Se vuoi conoscere più approfonditamente le caratteristiche del tè Oolong, puoi leggere anche il nostro articolo dedicato.

Controindicazioni del tè Oolong

Il tè Oolong è una bevanda essenzialmente molto salutare. Come per ogni sostanza, però, bisogna stare attenti a non esagerare. La caffeina contenuta nel prodotto potrebbe infatti creare ansia ed agitazione.

Il tè Oolong si può bere in gravidanza?

Se ci si trova in stato interessante o si sta allattando, il tè Oolong non è vietato. Bisogna però prestare attenzione alle quantità ingerite e non superare le 2 tazze al giorno.

Varietà di tè Oolong

Come abbiamo già detto, parlare di tè Oolong vuol dire riferirsi ad un gruppo molto ampio di gusti e aromi. Nel nostro shop puoi trovare le migliori varietà e gustarle all’insegna della tradizione cinese (link ai set). Tra le tipologie disponibili vi sono:

Tè Oolong da Hong Pao

Il The Da Hong Pao è una varietà di Oolong tra le più pregiate, prodotta sui monti Wu Yi nel Fujian. Il suo aroma è irresistibile: in esso si avvertono l’orchidea e altre note floreali. Si narra che questo tè abbia guarito da una terribile malattia un antico imperatore. Egli avrebbe dunque disteso il mantello accanto agli arbusti, donando con questo gesto il nome “Da Hong Pao”, che significa “Grande mantello scarlatto”. Gli arbusti originari di questa varietà Oolong sono oggi protetti in quanto patrimonio nazionale: un vero tesoro da preservare. Puoi acquistarlo QUI.

te oolong da hong pao infuso

Tè Oolong Tiè Guan Yin

Il Tiè guan yin (che puoi acquistare QUI) è un tè con basso grado di ossidazione. Questo lo rende più simile al tè verde rispetto agli altri Oolong, ma con note floreali più spiccate e aromatiche. Quest’ultima caratteristica lo ha reso uno dei tè più utilizzati per praticare il Gong Fu Cha, l’antica cerimonia del tè cinese che abbiamo approfondito in questo articolo.

te oolong tie guan yin

 

 

 

Tè Verde: Storia, Proprietà, Controindicazioni

Tutti amiamo il tè verde, un infuso orientale dalla storia millenaria. Quello che però a volte non si sa, è quanti benefici apporti per la nostra salute e la nostra bellezza. Vediamo insieme la storia, l’origine e le proprietà di questa variante non fermentata di tè.

te verde cinese moon tea longjing

Storia del tè verde

La coltivazione del tè verde ha origine in Cina in tempi antichissimi, intorno al 2700 a.C. Presto la bevanda si diffonde in tutta l’Asia e si lega indissolubilmente alla suggestiva cerimonia del tè. Nel Seicento, grazie ai commerci olandesi, questo infuso inizia ad essere servito anche nei nostri salotti europei. Bisognerà però attendere il XX secolo l’uscita dell’edizione inglese del libro di Okakura Kakuzō perché l’Occidente comprenda il valore culturale e la nobiltà del tè verde.

Da dove si ricava il tè verde

Il the verde si ricava dalla pianta Camellia sinensis, in seguito ad un processo di stabilizzazione termica. Al contrario di quanto avviene col tè nero, le foglie di questa variante non vengono sottoposte ad alcuna fermentazione. Da ciò derivano la tipica colorazione verde che dà il nome alla bevanda, nonché le particolari proprietà che la distinguono.

Proprietà del tè verde

Il tè verde, come accennavamo, presenta numerose proprietà benefiche per l’organismo. La presenza massiccia dell’Epigallocatechina gallato rende questa bevanda un potente antiossidante naturale, capace di limitare l’invecchiamento dei tessuti e prevenire la nascita di cellule nocive. La ricerca scientifica ha dimostrato inoltre come il tè verde sia in grado di proteggere il sistema cardiocircolatorio, neurologico e respiratorio. Infine, esso stimola la diuresi e aiuta ad accelerare il metabolismo. Insomma, il tè verde è un ottimo alleato anche per dimagrire e tenere a bada la cellulite! Se desideri approfondire l’argomento, puoi leggere l’articolo interamente dedicato alle proprietà del tè verde.

Controindicazioni del tè verde

Le controindicazioni del tè verde, salvo casi particolari, vanno attribuite più ad un consumo eccessivo che non alla bevanda in sé. Bisogna infatti tener conto della presenza di caffeina all’interno dell’infuso. Non esagerate pertanto nelle quantità se non volete provare sensazioni di ansia e agitazione.

Il tè verde si può bere in gravidanza?

In caso di gravidanza, il tè verde può essere assunto, ma con moderazione. Pare infatti che in dosi massicce diminuisca l’assorbimento dell’acido folico, importante per la salute di madre e bambino.

Varietà di tè verde

Con il termine tè verde si indica una famiglia di tè. Sul nostro e-commerce puoi trovare le migliori varianti della bevanda e gustarne la varietà. Ecco alcune tipologie:

Tè Verde Longjing

Il Tè verde Longjing è una variante originaria della regione montuosa dello Zhejiang. L’area si caratterizza per un microclima particolare che conferisce al Longjing proprietà benefiche uniche. Le foglie si presentano di forma allungata e il colore dell’infuso è di un giallo brillante. Nella degustazione percepirete un aroma armonioso, erbaceo, con un tocco finale leggermente tostato. Puoi acquistarlo QUI.

te verde longjing cinese

Tè Verde Taiping Houkui

Il Tai Ping Hou Kui è un tè verde cinese ricavato da una particolare varietà di Camelia. Anche il trattamento riservato alle foglie è singolare: esse vengono infatti asciugate in pentole di bambù con diverse temperature. La pianta presenta foglie lucide e brillanti. Al gusto l’infuso è morbido e fresco, con una particolare dolcezza vegetale che gli ha permesso di assurgere ad uno dei “migliori tè verdi della Cina”. Puoi acquistarlo QUI.

Tè Verde Anji Bai Cha

Il the verde Bai Cha di Anji si contraddistingue per un aroma fresco e dissetante, con note di frutti di bosco. In virtù della delicatezza, si consiglia di preparare l’infuso a bassa temperatura. Si tratta di una varietà molto speciale, perché di origine spontanea e crescita limitata alla zona di produzione. Puoi acquistarlo QUI.

Tè Verde Bi Luo Chun

Dal gusto dolce e fruttato, questo tè noto per la sua elevata qualità viene raccolto soltanto una volta l’anno, ancora avvolto nella caratteristica lanugine bianca. L’infuso si presenta giallo paglierino e il suo gusto vi incanterà. Puoi acquistarlo QUI.

te verde bi luo chun cinese

Tè Verde al Gelsomino

Quella al gelsomino è una delle varietà più amate di tè verde. Nasce nella zona cinese del Fujan e viene realizzato unendo le foglie di tè ai fiori freschi. Il suo sapore è persistente e unisce note dolci ad un retrogusto più pieno e vivace. Puoi acquistarlo QUI.

I Migliori Set da Tè Cinese

Sei alla ricerca di un set da tè cinese di alta qualità? Questo è l’approccio giusto, perché fin dai tempi del Celeste Impero la degustazione del tè è stata una questione seria. Si tratta di un vero e proprio rito, chiamato Gong Fu Cha, che richiede conoscenza, attitudine e la giusta strumentazione. Vediamo dunque cosa potrebbe servirvi per gustare questo concentrato di benessere e tradizione.

Componenti per il servizio da tè

Un servizio da tè completo prevede numerosi elementi: teiere, tazze in numero variabile, pinze per raccogliere le foglie di tè e strumenti per manovrare le tazze bollenti, misurini e vassoi. Possiamo dire che scegliere con cura il proprio set da tè è parte integrante del processo di degustazione, perché già si sta costruendo l’armonia che culminerà nel sorso.

Teiere

Le teiere cinesi sono vere opere d’arte, diversissime per foggia, colori e materiali. Ecco alcuni prodotti di qualità che potrete trovare nel nostro shop:

Teiere classiche

Questa teiera cinese presenta un design antico ed è realizzata, secondo tradizione, in porcellana. Solo il manico è in plastica, un’accortezza per evitare ustioni. Il beccuccio offre un sistema di filtraggio per evitare che le impurità delle foglie scivolino nella tazza. Puoi acquistarla QUI.

teiera con infusore moontea tè sfuso

Teiere con infusore

Scegliere una teiera con infusore vuol dire agevolare il processo di preparazione del tè. Le foglie intere non vanno infatti recuperate a cucchiaio. L’infusore permette inoltre di gestire al meglio il tempo di immersione, per ottenere un infuso a regola d’arte. Puoi acquistarla QUI.

Tazze artigianali in porcellana

Le tazze della tradizione si distinguono dalle nostre per un aspetto fondamentale: le ridotte dimensioni (non superano mai i 100 ml di capienza). Questo deriva dal contesto in cui esse vengono utilizzate, quello conviviale del Gong Fu Cha che prevede ripetute infusioni e dunque numerosi rabbocchi della tazza stessa. Particolare attenzione è dedicata inoltre al disegno: le tazze da tè cinese sono piccoli, delicati gioielli che partecipano attivamente, con la loro raffinatezza, all’esperienza estetica insita nel rituale del tè.

Nel nostro shop puoi trovare tazze da tè rigorosamente artigianali. Esse provengono dal Dehua, nota per la produzione di ceramiche di altissima qualità.

Antica Tazza da Tè Celadon in varie fantasie

Questa splendida tazza in porcellana dal sapore antico è decorata a mano seguendo i dettami dell’arte tradizionale cinese. Abbiamo scelto di presentarvi la variante con la montagna, perché nella cultura cinese i monti rappresentano i luoghi di contatto con il divino e la dimensione spirituale dell’esistenza. Puoi acquistarla QUI.

Tazzina da Tè Jinyun Nera

Questa tazzina da tè cinese si presenta di particolare eleganza. Il nero della smaltatura esterna contrasta piacevolmente con i motivi dorati, simboli di buon auspicio. Puoi acquistarla QUI.

Tazza da tè in porcellana bianca con foglia d’oro

Questa tazzina è realizzata in argilla porcellanata e reca una splendida foglia d’oro disegnata a mano. Il fregio richiama l’autunno, con le sue atmosfere melanconiche e il bisogno di riscaldarsi. Immaginate una giornata di pioggia e il profumo del tè che si spande nella stanza. Puoi acquistarla QUI.

 

Set da tè

Scegliere un set da tè completo può essere la soluzione migliore per avere tutto a portata di mano e realizzare un vero Gong Fu Cha a regola d’arte. Il nostro shop offre due tipologie di servizi, in ceramica e in bambù.

Servizi in ceramica completi

Questo servizio in ceramica pregiata esprime l’eleganza della tradizione cinese del tè ed è dotato di tutto il necessario per la migliore delle degustazioni. Esso comprende infatti otto tazze, teiera, pinze, porta foglie e dosatore. Puoi acquistarlo QUI.

Servizi in bambù completi

Una valida alternativa ai servizi in ceramica sono quelli in bambù. Si tratta di kit più versatili, adatti a momenti di degustazione più informali ma certo non meno intensi. Quello presentato dispone di tre tazzine, di una teiera in vetro dotata di infusore e di un vassoio. La sua particolare struttura permette di preparare il tè direttamente in tavola, sorprendendo gli ospiti con un’esplosione di profumi e colori.

 

 

Come Preparare il Tè: cosa sapere per l’infuso perfetto

Preparare un buon tè non è un’impresa impossibile: basta conoscere alcune regole fondamentali che variano a seconda della tipologia dell’infuso (tè verde e tè nero, per esempio, non presentano la stessa temperatura di infusione). In questo articolo puoi trovare tutte le indicazioni su come fare il tè al meglio.

Due metodi per preparare il tè

Innanzi tutto, è importante sapere che per fare il tè ci sono due metodi principali. Il primo è quello anglosassone, che prevede poche foglie di tè e lunghi tempi di infusione. Seguendo questa metodologia si possono utilizzare le stesse foglie di tè solo una volta.

La seconda modalità è quella orientale. In questo caso si usano molte foglie di tè, riutilizzabili più volte, e le infusioni sono brevi. Qual è la metodologia migliore? Dipende dal gusto di chi sorseggia e dalla tipologia di tè.

Acqua calda per il tè: qual è la temperatura di infusione giusta?

Per tutte le tipologie di tè vale questa regola: non portare mai l’acqua ad ebollizione. Se infatti l’acqua raggiunge i 100°, si rischia di bruciare il tè e perdere così le sue proprietà salutari e il suo aroma caratteristico. Per il resto, bisogna tenere in considerazione la tipologia di tè:

  • Tè verde: tra i 60° e gli 80°
  • Tè nero: tra i 90° e i 95°
  • Tè Oolong: tra gli 85° e i 95°
  • Tè bianco: tra i 75° e i 90°

Come capire la temperatura dell’acqua per il mio tè?

La modalità più precisa per capire la temperatura dell’acqua per il vostro tè è sicuramente un termometro, ma ci sono degli indizi che permettono di capirlo anche ad occhio. Quando l’acqua arriva ai 70°, iniziano a formarsi delle piccole bolle, chiamate anche “occhio di granchio”. A 90°, le bolle diventano molto più grandi, segno che si sta per giungere all’ebollizione vera e propria.

Temperatura dell'acqua per il tè

Dove mettere il tè

In molti sorge il dubbio se il tè vada messo direttamente nella tazza o serva una teiera. Gli esperti di tè optano decisamente per la seconda opzione. Usare una teiera può davvero fare la differenza nella preparazione di un buon tè. Le foglie possono essere inserite direttamente nell’acqua, secondo la tradizione del Gong Fu Cha, oppure in un infusore, così da non doverle raccogliere con le pinze prima di sorseggiare la bevanda.

L’infusione nella Gaiwan

Un’eccezione a quanto detto è rappresentata dall’infusione in Gaiwan. La Gaiwan è infatti una tazza molto particolare tipica della tradizione cinese (il suo uso risale al 1350 circa). Si tratta di una ciotola dotata di piattino e coperchio che permette di preparare e sorseggiare il tè nello stesso contenitore. In alternativa, si può versare il contenuto della gaiwan in più piccole tazzine da degustazione.

 

Nel nostro shop puoi trovare tazzine, Tazze Gaiwan, eleganti teiere e set da tè completi. Clicca qui per scoprire la nostra selezione.

I tempi di infusione del tè

Come si accennava all’inizio, i tempi di infusione del tè variano a seconda del metodo prescelto (occidentale o orientale) e soprattutto dal tipo di tè che si desidera sorseggiare. In ogni caso, non si dovrebbero mai superare i 5 minuti. Se infatti si lascia il tè in infusione per troppo tempo si rischia di liberare un’eccessiva quantità di tannini e ottenere così una bevanda dal sapore amaro e priva di equilibrio. Seguendo il metodo occidentale-anglosassone, i tempi di infusione del tè sono i seguenti:

  • Tè verde: tra i 2 e i 3 minuti
  • Tè nero: tra i 2 e i 3 minuti
  • Tè Oolong: 3 minuti
  • Tè bianco: tra i 3 ai 4 minuti

Se invece volete preparare il tè seguendo la modalità orientale, l’infusione durerà dai 30 ai 60 secondi, e sarà ripetibile per circa 3 volte.

 

Come Conservare il Tè per Mantenere Intatte le Proprietà

Bere il tè in foglie è un’esperienza speciale, ma bisogna sapere anche come conservarlo per mantenere intatte sapore e proprietà. In questo articolo potete trovare tutte le indicazioni per gustare al meglio e a lungo la materia prima della vostra bevanda preferita.

Per quanto tempo si può conservare il tè

Innanzi tutto, va precisato che il tè in foglie non ha una vera e propria scadenza, se ben conservato. Si consiglia comunque di non far passare più di 2 anni dalla raccolta, così da gustarlo ancora fresco e nel pieno delle sue caratteristiche distintive.

Conservazione del tè

A cosa prestare attenzione per conservare il tè

I nemici naturali del tè sono luce, umidità e calore. Se si lasciano le foglie in balia di questi elementi, il tè perderà rapidamente aroma e proprietà benefiche. È dunque opportuno posizionare la confezione di tè in un luogo fresco, ombreggiato e asciutto, possibilmente in un contenitore ermetico.

I migliori materiali per contenere le foglie di tè

Scegliere il contenitore giusto è molto importante per proteggere le foglie di tè. La plastica è un materiale da evitare, perché lascia spazio a numerose infiltrazioni. Anche il vetro presenta delle controindicazioni, perché essendo trasparente permette il passaggio della luce. L’ideale è dunque optare per un porta-tè in alluminio, acciaio o latta, possibilmente dotato di doppio coperchio e chiusura ermetica. Anche i contenitori in porcellana sono ammessi, a patto di non versare le foglie ma lasciarle nel sacchetto originale.

Si può tenere il tè in frigorifero?

Per conservare il tè nel modo giusto sarebbe meglio non riporlo in frigorifero (né tanto meno in freezer). Ogni volta che tiriamo fuori le nostre foglie, infatti, le sottoponiamo a sbalzi di temperatura che alla lunga potrebbero nuocere loro. Se però il frigo è per voi l’unica soluzione, sappiate che non è vietato. State solo attenti a conservare il tè lontano da formaggi, insaccati e aglio e a riporlo rapidamente nel ripiano interno dedicato.

 

 

 

 

 

Quando Bere il Tè Verde: guida alla Tazza Quotidiana

Il tè verde è una bevanda di origine orientale ormai molto amata anche in Occidente. Spesso però sorge un dubbio: quando è meglio bere il tè verde, in base alle sue proprietà? Scopriamolo insieme.

Bere il tè verde tutti i giorni: si può?

Una questione preliminare è: si può bere tè verde tutti i giorni? La risposta, anche grazie alle numerose ricerche scientifiche in merito, è qui chiara. Non solo bere tè verde tutti i giorni non fa male, ma anzi, rappresenta una sana abitudine capace di portare innumerevoli benefici alla salute

Quando bere il tè verde durante la giornata

Il tè verde a colazione: benefici

Il tè verde a colazione rappresenta un’ottima scelta, energizzante al pari della classica tazzina di caffè. Questa tipologia di tè contiene infatti caffeina e permette di iniziare la mattinata al meglio. È comunque consigliabile non assumere questa bevanda a stomaco vuoto ma dopo qualche boccone.

Meglio bere il tè verde dopo i pasti o lontano da essi?

Bere una tazza di tè verde subito dopo il pasto può rappresentare un ottimo digestivo, ma presenta anche degli svantaggi. Può infatti limitare l’assorbimento delle sostanze nutritive assunte durante il pranzo o la cena. L’ideale è dunque consumare il tè non immediatamente dopo il pasto, così da ricevere una carica di sali minerali, antiossidanti e mantenere ottimali i livelli di idratazione. Se intendete bere il tè verde per dimagrire, un buon compromesso può essere assumere una tazza di tè venti minuti prima o venti minuti dopo che ci si è alzati da tavola. Se ti stai chiedendo perché il tè verde agevola il dimagrimento, potrebbe interessarti il nostro articolo dedicato: il tè per dimagrire: è davvero così? 

Si può bere il tè verde la sera?

In Oriente, è abitudine consumare una tazza di tè verde o di tè Oolong prima di andare a dormire. Non si tratta dunque di un’abitudine di per sé nociva. Bisogna però tenere conto della presenza di caffeina nell’infuso. Se faticate già di vostro a prendere sonno, meglio vietare di assumere qualunque sostanze con proprietà eccitanti, tè incluso.

Quanto tè bere al giorno

Riassumendo, l’ideale è assumere questa variante semi-ossidata di tè durante la giornata, ad un minimo di distanza dai pasti. Sì, ma quante volte si può bere il tè verde al giorno? Gli studi pongono come quantità perfetta quella di due/tre tazze da 200ml al giorno in media. Con questo dosaggio, infatti, si può fare il pieno di sostanze benefiche senza risentire degli effetti indesiderati della caffeina. Chiaramente, la sensibilità a questa sostanza varia da persona a persona. Pertanto, è opportuno tarare l’assunzione sulla base delle proprie caratteristiche individuali e delle proprie esigenze, stando però sempre attenti a non esagerare.

La Cerimonia del Tè Cinese: Storia e Procedimento

La cerimonia cinese del tè, chiamata Gong fu cha, esprime come nessun’altra la storia e la filosofia del paese. Si tratta infatti di un vero e proprio rituale che inizia con l’attenta scelta dei materiali e si conclude con la degustazione.

Ogni gesto è calibrato e segue il principio dell’armonia della filosofia zen.

Versare un buon tè cinese durante il Gong fu cha vuol dire omaggiare l’ospite e comunicare in profondità con lui senza bisogno di parole.

Origini della tradizione del Gong fu Cha

Per trovare le origini della cerimonia del tè cinese bisogna risalire fino alla dinastia Tang, ovvero ad oltre mille anni fa. In quel periodo il tè veniva bevuto dai monaci per aumentare la concentrazione e coadiuvare la meditazione. Nell’VIII secolo, con il “Canone del Tè” di Lu Yu questa usanza assume i significati e caratteri rituali che oggi conosciamo. Da allora, il Gong fu Cha si è diffuso a tutta la popolazione ed è divenuto un momento culturale e spirituale imprescindibile per i cinesi.

I testi zen che regolano la cerimonia del tè cinese prescrivono quattro principi:

  • rispetto;
  • armonia;
  • purezza;
  • tranquillità.

Prima di dedicarvi in prima persona alla cerimonia del Gong fu cha, dunque, fate attenzione a trovarvi nella giusta disposizione di spirito. Solo così il vostro tè risulterà preparato con “la cura ed attenzione” (significato di gongfu) necessaria e potrà rivelarsi un momento di incontro estetico con ciò che vi circonda (la parola “cha” vuol dire sia “tè” che “armonia tra uomo e natura”).

Il rituale del Gong Fu Chan

La cerimonia del tè cinese prevede che l’acqua bollente venga dapprima versata nella teiera, e da lì in una delle gàiwǎn.

Bisogna spostare l’acqua dalla prima alle successive tazzine, vuotandole in sequenza, così da rendere caldo tutto il set. Si mostrano poi le foglie agli invitati, così che possano accertarsi della qualità di quanto offerto, le si dispone nella teiera e le si copre d’acqua. Dopo qualche secondo si versa il liquido nelle tazzine dalla prima all’ultima e dall’ultima alla prima.

Attenzione: questa è solo una fase preliminare finalizzata a sciacquare il tè dalla polvere. Il contenuto delle gàiwǎn e della teiera viene infatti gettato nell’apposito vassoio. Solo questo punto si può riempire la teiera e attendere l’infusione vera e propria. Una volta che il tè è pronto, lo si versa con ordine nelle tazzine. Il gesto deve essere fluido e rapido. Se tutto questo vi sembra enormemente arduo, non disperate: è più difficile spiegarlo che mettersi all’opera. È tutta questione di esperienza, manualità e, naturalmente, cura.

Quale tè utilizzare per il Gong fu Cha?

Il tè d’elezione per il Gong fu Cha è il tè Oolong, una varietà semiossidata nata nelle province di Fujan e Guandong. Per il rituale, è fondamentale che il materiale sia di alta qualità. Nel nostro shop potete trovare tè di prima scelta, capaci di mantenere intatto il sapore di questa antica tradizione.

Gli utensili del Gong fu Cha

La cerimonia del tè cinese prevede diversi strumenti:

  • una teiera di ceramica artigianale, chiamata Yixing, caratterizzata da una superficie porosa in grado di mantenere al meglio gli aromi del tè;
  • un set di tazze da 100ml, dette gàiwǎn;
  • un vassoio con un’apertura per raccogliere i residui d’acqua;
  • pinze per spostare le tazzine ancora bollenti;
  • un cucchiaio di bambù chiamato chásháo per raccogliere le foglie.

Se ti stai chiedendo dove trovare tutto questo, ti possiamo dare già una risposta. All’interno del nostro shop abbiamo tanti set per la degustazione del tè, e nella fattispecie, perfetti per essere utilizzati con la cerimonia del tè. Uno tra i più completi è il seguente, che puoi trovare anche QUI.

Cerchi altre tipologie di servizi da tè? Puoi trovare set completi cliccando qui.